D.D. 28 luglio 2022, n. 386 Legge Regionale n. 14 del 5 aprile 2019, articolo 28 – D.G.R. n. 41-5263 del 21 giugno 2022: istituzione della misura per la concessione di contributi per lo sviluppo ed il mantenimento delle botteghe dei servizi

La Regione Piemonte ha emesso un Bando per la concessione di contributi finalizzato a:

Botteghe dei servizi nei paesi di montagna della Regione Piemonte

Titolo completo: Bando rivolto a Microimprese o Cooperative di Comunità per la concessione di contributi per lo sviluppo ed il mantenimento delle Botteghe dei servizi

Regione Piemonte contribuisce alla valorizzazione ed allo sviluppo della montagna favorendo la rivitalizzazione dei Borghi ed il miglioramento della qualità di vita sia dei cittadini residenti, sia dei turisti, attraverso lo sviluppo ed il mantenimento delle “Botteghe dei servizi” nei Comuni piemontesi classificati interamente montani, aventi popolazione inferiore ai 5.000 abitanti.

Si definisce “Bottega dei servizi” un esercizio commerciale di prossimità con superficie di vendita destinata ai beni alimentari non superiore a 150 m2 che, unitamente alla vendita al dettaglio di beni alimentari, offra anche altri servizi aggiuntivi a favore sia dei cittadini residenti che dei turisti e fruitori in senso lato del territorio stesso.

  1. Le “Botteghe dei servizi” ammissibili al presente Bando sono quelle che, oltre a rispettare i requisiti precedenti, entro la conclusione dell’investimento proposto offrano obbligatoriamente un numero
    minimo di quattro servizi, di cui almeno tre ricompresi fra quelli individuati con i numeri da 1) a 15), fra i seguenti:
    1) Internet point;
    2) Fax e fotocopie;
    3) Biglietteria del trasporto pubblico locale (su gomma, ferroviario, funiviario);
    4) Noleggio di attrezzature a scopo escursionistico o sportivo;
    5) Spazi per co-working;
    6) Informazione turistica;
    7) Sportello postale, previa apposita convenzione con il gestore del servizio postale;
    8) Servizi di pagamento (es.: bollo auto, bollettini) e servizio di ricariche telefoniche di almeno due tra i
    principali gestori di telefonia mobile;
    9) Ricezione e invio di pacchi e attività di e-commerce in apposite cassette e locker;
    10) Dispensario farmaceutico;
    11) Servizio di rilascio a distanza di certificati per conto di pubbliche amministrazioni;
    12) Servizio Bancomat;
    13) Servizio di trasporto persone;
    14) Servizio di assistenza all’utilizzo di piattaforme telematiche in ambito sanitario (es.: prenotazione di visite
    mediche, ricezione, stampa ed invio di referti medici, area dedicata a consulti medici on-line);
    15) Consegna domiciliare gratuita;
    16) Somministrazione di alimenti e bevande;
    17) Vendita di generi appartenenti al settore merceologico non alimentare;
    18) Rivendita di giornali e riviste;
    19) Rivendita di generi di monopolio e di valori bollati;
    20) Vendita di alimenti per categorie specifiche (es.: prodotti per celiaci, prodotti per la prima infanzia);
    21) Vendita di prodotti tipici locali.
    Oltre ai precedenti servizi, di cui 4 obbligatori, è possibile proporre uno o più servizi aggiuntivi, non previsti
    nell’elenco, che la Bottega dei Servizi già eroga o che intende erogare ex novo, e che devono essere descritti
    nel dettaglio all’interno della Relazione di progetto (vedasi Allegato 3).

 

Sono considerate ammissibili:
1) le spese di investimento necessarie per lo sviluppo e mantenimento della Bottega dei Servizi riferite a:
– acquisto e ristrutturazione di immobili;
– acquisto di macchinari, impianti specifici, attrezzature;
– acquisto di hardware e software;
– acquisto di marchi e licenze.
Sono considerate ammissibili le spese sostenute a partire dalla data di pubblicazione del Bando sul BUR ed
entro 12 mesi dalla data di concessione dell’agevolazione.
Non sono ammissibili i beni usati, i beni in leasing, gli automezzi di qualsiasi genere e le opere realizzate in
economia.
2) Spese di gestione inerenti l’attività della Bottega dei Servizi:
– canoni di locazione dell’immobile, affitto di beni strumentali;
– canoni di leasing;
– spese per le utenze (es.: energia elettrica, gas, acqua);
– spese per il personale (incluse le spese per la partecipazione a corsi di formazione inerenti i servizi per cui
si richiede il sostegno);
– spese di promozione e pubblicità.
Sono considerate ammissibili le spese sostenute dalla data di pubblicazione del Bando sul BUR se, prima della
stessa, non siano stati emessi ordini giuridicamente vincolanti, fatture e/o effettuati pagamenti anche a titolo
di acconto.

La dotazione finanziaria complessiva è pari a € 3.000.000

Le domande di contributo potranno essere presentate dal 30 settembre al 15 novembre 2022

  • Microimprese singole, in qualunque forma costituite, iscritte al Registro Imprese della CCIAA, attive al momento della presentazione della domanda di sostegno
  • Cooperative di comunità ai sensi della L.R. n. 13/2021 ed iscritte all’albo della Regione Piemonte istituito con D.G.R. n. 16-4890 del 14/04/2022 iscritte al Registro Imprese della CCIAA, attive al momento della presentazione della domanda di sostegno che svolgono attività di Bottega dei Servizi nei Comuni piemontesi classificati interamente montani (ai sensi della Deliberazione del Consiglio Regionale n. 826-6658 del 12 maggio 1988) aventi popolazione (ISTAT 2021) inferiore ai 5.000 abitanti (riportati all’Allegato 2 al bando).

Gli interventi dovranno essere realizzati nel territorio del Gal del Gargano

Il progetto presentato dovrà prevedere un importo minimo di spese d’investimento ammissibile pari a
€ 5.000,00

– Contributo a fondo perduto fino a un massimo di euro 30.000, a copertura del 70% delle spese di
investimento
Contributo a fondo perduto pari al 100% delle spese di gestione di cui al par. 3.4 punto 2), fino a un massimo
di 20.000 euro complessivi così ripartiti:
– massimo euro 10.000 per le spese sostenute entro il 31/12/2023;
– massimo euro 10.000 per le spese sostenute tra il 1/1/2024 e il 31/12/2024

Chiedici informazioni e/o supporto

Vuoi partecipare ad un bando, rigenerare la tua comunità, redigere un progetto di sviluppo territoriale, far nascere una cooperativa di comunità o worker buyout, realizzare un Hub per lo sviluppo del territorio? Scrivici senza impegno per ricevere ulteriori informazioni, assistenza ed essere ricontattato.

Esempi di Cooperative di Comunità accompagnate da Appenninol'Hub

Contatti

Tel. (+39) 329.210.3296

Sedi e recapiti

Lunedì 9.30-13.00
c/o Fondazione Valmarecchia
Via Giuseppe Mazzini 62, 47863 Novafeltria RN
Mercoledì e Giovedi 9.30-13.00
c/o VolontaRomagna
via Covignano 238, 47923 Rimini RN

Iscriviti alla Newsletter

© 2022 All rights reserved

Privacy Policy